EDTA Project

Vai ai contenuti

Menu principale:

EDTA project è  ideato e coordinato da alcuni membri fondatori della associazione. Il progetto coinvolge diverse forme ed espressioni artistiche, purché originali: dalla musica, alla narrativa (racconti brevi, romanzi, saggi, sceneggiature per cinema e teatro), alle rappresentazioni audio e video (lungo-, medio-, cortometraggi, documentari), performance teatrali, pittura, scultura, scenografia, allestimenti multimediali, fotografia e simili.
Attraverso esso, si vuole cercare di favorire tutte queste forme d’arte e/o di artigianato, purché ci si attenga al rispetto di prestabiliti atteggiamenti .
Una buona esemplificazione di tali regole è riportata, in campo musicale, nell'ironico "decalogo sul rock architonico", che potete scaricare in formato pdf.
Tutte le forme di espressione e d'ingegno presenti sul sito, quando sono disponibili e fruibili gratuitamente, vuol dire che sono state diffuse secondo il principio del copyleft
(*), ovvero, in sintesi, della protezione gratuita e personale del proprio prodotto, senza dover ricorrere al pagamento della "tangente" dei diritti di autore a qualche società terza.  
I dettagli di questi criteri sono definiti sul sito-web delle Creative Commons Licences, con l'obiettivo di soppiantare i classici sistemi (diritto d'autore) per il salvataggio delle proprie idee e della diffusione legale ed autorizzata di esse.

Sei curioso di capire perchè EDDITIÀ?



   

  Salvo dove diversamente indicato, per tutti i materiali presenti su questo sito vale la Licenza Creative Common “Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0”: è libera la riproduzione parziale o totale, diffusione, pubblicazione su diversi formati, esecuzione e rappresentazione, purché non a scopi commerciali o di lucro e a condizione che vengano indicati gli autori e, tramite link, il contesto originario. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità e non si può quindi considerare un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001


   (lavoriamo per il continuo miglioramento del sito... Portate pazienza.....)

 

L’arte è un grande malinteso, cioè un capirsi a metà, perché l’altra metà sia lasciata a chi la sta sentendo. L’artista dunque sarebbe il mezzo con cui attuare costantemente questo benefico malinteso.

W. Smurina


l'associazione risulta aver fatto registrazione ufficiale come da link: http://www.comune.bracciano.rm.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/92

Torna ai contenuti | Torna al menu